Intestino e Coronavirus : l’aiuto di CP150

Giugno 2020

Dati recenti hanno dimostrato che dopo un’infezione da SARS-CoV-2, l’intestino continua ad eliminare dei frammenti virali anche dopo la guarigione. L’intestino di fatto rappresenta un grande serbatoio dove il Coronavirus è in grado di crescere e replicarsi.

Infatti, SARS-CoV-2 infetta le cellule con costituiscono l’epitelio di rivestimento intestinale (enterociti). A causa della sua permanenza anche nell’intestino, in questa maniera SARS-CoV-2 può provocare dei disturbi gastrointestinali.

I più frequenti disturbi sono legati al colon irritabile che si manifesta con gonfiore, difficoltà di evacuazione e diarrea, che può durare anche per 8-10 settimane dopo l’infezione.

Inoltre in alcune soggetti, l’apparato gastrointestinale è l’unico organo che viene colpito con la diarrea come unico sintomo di infezione da Covid.

 

In tale contesto, riveste ancora più importanza mantenere un microbiota intestinale.

Una barriera anatomica molto delicata e sensibile, in equilibrio e funzionale al fine di prevenire i sintomi intestinali. Come tutti i virus, SARS-CoV-2 danneggia sia il microbiota che la barriera intestinale, con una possibile riduzione dei Lattobacilli e dei Bifidobatteri.

Pertanto, l’uso di probiotici contenenti tali ceppi può aiutare a preservare il benessere della nostra flora batterica intestinale, a rafforzare le nostre difese immunitarie e a garantire un’adeguata funzionalità della barriera intestinale.

CP150 è un prodotto che grazie all’associazione dei suoi componenti potrebbe favorire la ricostruzione della barriera anatomo-microbiologica intestinale potenziandone l’ottimale permeabilità.

Inulina: sviluppa flora batterica autoctona, attività antiinfiammatoria, favorisce vitalità microbiota.

Lactobacillus Plantarum: stimola produzione di muco.

Glutammina: stabilizza e ripara mucosa intestino.

Glicina: protegge la barriera, e favorisce azione antiinfiammatoria.

Vitamina D: migliora vita di coloro che soffrono di disturbi intestinali.

Zinco: previene lo sviluppo della sensibilità alle infiammazioni.

Profilassi per evitare lo sviluppo di eventuali problematiche, e contenere quelle già in atto.